Il Bonus Fiscale per la Riqualificazione Energetica degli Edifici

I Nuovi Impianti di Riscaldamento

Il risparmio energetico è uno dei grandi temi che intessano tutti cittadini, in modo particolare in un periodo, come quello attuale, nel quale la congiuntura economica incentiva a risparmiare. Per venire incontro alle famiglie e all'emergenza ambientale, che va via via accentuandosi, il Governo ha confermato le agevolazioni fiscali già previste in passato ed introdotto alcune novità per favorire la riqualificazione energetica degli edifici.


Il Bonus Fiscale per la riqualificazione energetica degli edifici
La legge Finanziaria per il 2008 (legge n.244 del 24 dicembre 2007) ha prorogato le detrazioni fiscali previste per gli interventi di riqualificazione energetica fino al 31 dicembre 2010: un'ottima occasione per ripensare le modalità di riscaldamento di abitazioni ed aziende.
Nello specifico il bonus fiscale coincide con la possibilità di detrarre dalle imposte IRPEF o IRES una quota pari al 55% delle spese sostenute entro il 2010 per svolgere interventi atti a migliorare l'efficienza energetica degli edifici. Tra gli interventi volti a ridurre le spese energetiche citiamo quelli che concernano il miglioramento termico degli immobili (ad esempio attraverso la coibentazione), la riqualificazione energetica globale, la sostituzione di vecchi impianti di riscaldamento con caldaie a condensazione o caldaie a biomassa e l'installazione di pannelli solari.


Chi può richiedere le detrazioni?
Il bonus rappresenta un ulteriore incentivo per ripensare al fabbisogno energetico degli edifici, operando un investimento che verrà ammortizzato in breve tempo ed avrà conseguenze benefiche sul difficile stato di salute del nostro pianeta. I proprietari che pensano di attuare dei miglioramenti ai propri immobili possono quindi usufruire anche di tali detrazioni fiscali, purchè operino su edifici esistenti e non in fase di costruzione. Oltre al limite di intervenire su edifici già sorti, la legge pone altri vincoli particolari sui beneficiari delle detrazioni che sono riservate a persone fisiche, enti pubblici e privati che non svolgano attività commerciale, società di persone e di capitali ed associazioni tra professionisti.


Come si ottengono le detrazioni?
Per ottenere i benefici previsti dalla legge è necessario trasmettere alcuni documenti all'ENEA, l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile. Nello specifico i documenti richiesti sono:

  1. la copia dell'attestato di certificazione o di qualificazione energetica;
  2. la copia della scheda informativa degli interventi realizzati.

Ricordiamo che i documenti devono essere trasmessi entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori esclusivamente per via telematica, ovvero collegandosi al sito dell'ENEA e ricordandosi di conservare la ricevuta dell'invio.
Confidando di aver attirato la vostra attenzione su di un tema estremamente importante, vi consigliamo di consultare anche i siti dell'Agenzia delle Entrate e dell'ENEA : informarsi conviene!